MENU

Medicina Rigenerativa

Cos’è la Medicina Rigenerativa?

La Medicina Rigenerativa é una branca della medicina che coinvolge trasversalmente tutte le specialità medico chirurgiche. Attraverso l’ingenieria tessutale e la terapia cellulare ha lo scopo di riparare o sostituire dei tessuti lesionati, rigenerando e riparando gli organi, ripristinandone la originaria funzione. Con queste tecnologie all’avanguardia si mira al ripristino del tessuto originale, purtroppo in alcuni campi ancora virtuale. Ad esempio studi sono in atto per rigenerare il cuore dopo un infarto.

Esempi che coinvolgono il Chirurgo Plastico Estetico:

Dopo un trauma la pelle cerca di ripararsi e formare una cicatrice. Ma talvolta per diversi fattori la formazione della cicatrice é compromessa o disorganizzata.

É possibile in qualche modo incentivare la guarigione delle ferite? Ottenere una guarigione più rapida e di migliore qualità?

Un altro esempio é la pelle danneggiata dal sole, dall’invecchiamento o addirittura dalla radioterapia. É possibile revertere i danni ripristinando qualità e rigenerando (e ringiovanendo) la cute.

Quali sono le tecnologie e le tecniche che il Chirurgo Plastico può utilizzare per raggiungere questi scopi di rigenerazione, riparazione e ringiovanimento?

Le Matrici Dermiche Acellulari, vengono utilizzate per la riparazione di ulcere, lesioni della pelle, ustioni, o ancora nella ricostruzione mammaria.

Si tratta di tessuti ingenierizzati, derivati da sintesi o estrazione per lo più animale, privi di cellule. Sotto forma di “foglietti” vengono innestati dove vi é necessità, e funzioneranno da guida per la colonizzazione da parte delle cellule del tessuto circostante. Quindi funzionano da tessuto temporaneo che viene poi assorbito e sostituito con tessuto del corpo in cui é stato innestato. Ne é un esempio l’utilizzo nel campo delle ulcere cutanee, nei traumi e nelle ustioni, per raggiungere più rapidamente una guarigione con cicatrice di migliore qualità.

Un’altra tecnologia fondamentale per il chirurgo Plastico é il Lipofilling. Attraverso una lipoaspirazione viene prelevato del grasso, processato e concentrato, che viene poi iniettato ove necessario con due scopi: volume (dovuto alle cellule adipose) e rigenerazione (per via delle cellule staminali). Le cellule staminali sono dello stesso paziente, non manipolate. Nel grasso vi é una alta concentrazione naturale di queste cellule, che una volta eseguito Lipofilling si riattivano per riparare le lesioni, curare i danni della pelle e migliorarne la qualità. Alcuni esempi di utilizzo sono nell’ambito delle cicatrici, che si ammorbidiscono, nella ricostruzione mammaria, che cura la radiodermite, oppure come filler volumetrico a livello del viso, ottenendo anche un ringiovanimento della cute.

Non ultimo l’utilizzo del PRP (Plasma Ricco di Piastrine). Le piastrine sono componenti del sangue fondamentali per la coagulazione del sangue e per la riparazione dei tessuti, avendo al loro interno i fattori di crescita necessari. Attraverso un semplice prelievo del sangue, vengono separate e concentrate le piastrine. Si iniettano nel tessuto da riparare e forniscono una spinta decisa alla rigenerazione e riparazione dei tessuti. Viene utilizzato sia come biorivitalizzazione del viso-collo, sia del cuoio capelluto nella diradazione dei capelli.

Comments are closed.