MENU

P.R.P. e Ringiovanimento genitale

shutterstock_17498569

Utilizzo del PRP nel ringiovanimento genitale

Il PRP (Plasma Ricco di Piastrine) è utilizzato ampiamente in diversi ambiti che spaziano dall’intervento di ringiovanimento genitale, nei casi di menopausa precoce o fisiologica, fino al trattamento di alcune patologie della zona vulvare quali: bruciore, prurito, lichen scleroatrofico e secchezza.

La tecnica è eseguita tramite l’infiltrazione di sostanze rivitalizzanti che permettono di ridare vigore alle grandi labbra migliorandone sia l’aspetto che le normali funzioni fisiologiche, come per esempio la lubrificazione, diminuendo così potenzialmente i problemi sopracitati.

Questo trattamento è indicato sia per donne fertili che soffrono di grandi labbra ipotoniche o ipotrofiche (assottigliate) sia per donne in menopausa che soffrono di secchezza vaginale e lamentano fastidi durante i rapporti sessuali.

L’invecchiamento precoce vulvare è da ricercare presso diverse cause come la predisposizione genetica, l’alterazione del livello di estrogeni o in uno uno stile di vita poco regolare (fumo, diete sbagliate, troppa attività sportiva) che genera una produzione eccessiva di radicali liberi, una delle cause di invecchiamento precoce.

Il trattamento con PRP è praticato sotto anestesia locale.

L’ago utilizzato misura 30G ed è sottilissimo; tramite questo ago si infiltrano nel derma delle grandi e piccole labbra le sostante rivitalizzanti: plasma autologo, cioè prelevato dalla paziente stessa ricco di piastrine più genisteina, resveratrolo e mannitolo.

Non sono iniezioni dolorose in quanto, prima del trattamento su grandi e piccole labbra è applicata una crema anestetica da tenere in posa per circa 30 minuti.

Il meccanismo d’azione di questo trattamento verte sull’uso delle piastrine contenute nel PRP: esse rilasciano dei fattori di crescita (PDGF) innescando la neosintesi di collagene, acido ialuronico ed elastina da parte dei fibroblasti stimolando in questo modo il naturale rinnovamento della cute della vulvare.

La genisteina è un fitoestrogeno estratto dai semi di soia che imita l’azione degli estrogeni su cute e mucosa di vulva e vagina. Contribuisce a mantenere un adeguato spessore dell’epidermide, promuove la circolazione locale ed inibisce la degradazione di elastina e e collagene.

Il resveratrolo è un fenolo estratto dagli acini d’uva dotato di proprietà antiossidanti ovvero, in grado di neutralizzare i radicali liberi.

Comments are closed.